Suggestioni macchiaiole / 6


Llewelyn Lloyd, Marciana Marina (Giardino di casa Lloyd), 1916

Llewelyn Lloyd, Marciana Marina (Giardino di casa Lloyd), 1916

Più è forte la luce, più è densa l’ombra.

Così, se camminando per il vialetto di ghiaia non mi scorgerai, non t’inquietare. Si stupiscono ormai solamente coloro che vengono a visitarmi per la prima volta. Chi è di casa, invece, riconosce la mia sagoma atra anche nella più fitta oscurità.

Marta, da molti lustri la mia fedele custode, mi considera un vetusto oriolo. Osservandomi, dice lei, è come guardare le lancette della pendola: la mia positura nel soggiorno scandisce lo scorrere del tempo e i miei richiami consuetudinari sono come  il battere dell’ora.

Mi desto prima dell’alba, quando il Tirreno e il cielo sono tutt’uno: un infinito spazio nero ove le tremole stelle, specchiandosi nell’acqua abbonacciata, si confondono con i lumi dei leudi al largo. Sdraiato attendo paziente il delinearsi dell’orizzonte, l’inesorabile sfumare della tenebra. In quell’ora antelucana, mi sono invisibili compagni il garrire del gabbiano, il fischio del merlo e lo starnazzare della pernice.

Al levar del sole, allorché le chete onde paion essere di oro fuso e i primi raggi accarezzano le solide rocce del monte, dischiudo l’uscio del salotto e, inebriato dal giorno nascente, miro il trionfo di colori che si manifesta innanzi a me.

Sono quelli i fiori della mia Laura che non è più. Di lei mi sono rimasti la lapidea memoria al camposanto, che le mie deboli gambe non possono raggiungere; una sbiadita fotografia sul comò, che non rende giustizia alla sua venustà; una manciata di ricordi felici, che serbo nel cuore, e questo meraviglioso giardino che ancora posso toccare.

Son qui, ora, mi vedi? Oltre l’anta spalancata. Odoro la salmastra brezza intrisa del nidore delle roseto. Lei è lì, china sopra il cespuglio della canina e ne coglie alcuni boccioli. Si volta, mi guarda e accenna di avvicinarmi…

Una mano appoggiata alla spalla mi trattiene sulla seggiola. E’ Marta che delicatamente mi scuote: è il momento del desinare. Al sussurrar delle fronde mi sono assopito e sognavo.  Laura si è dissolta nell’abbacinante lucore del mezzogiorno e il dolore mi preme il petto. Vedo, tuttavia, quel variopinto mostrarsi di petali sgargianti e non posso fare a meno di sorriderle.

© Gabriele Prinelli, 2013 (gprinelli@gmail.com)

Le altre suggestioni macchiaiole

***
Chi sono i macchiaioli?

Il movimento dei Macchiaioli nasce di fatto nel 1856, affermando che la forma non esiste, ma è creata dalla luce, come macchie di colore distinte o sovrapposte ad altre macchie di colore, perché la luce, colpendo gli oggetti, viene rinviata al nostro occhio come colore.

Il termine macchiaioli venne usato per la prima volta sulla Gazzetta del Popolo nel 1862.

I giovani pittori proveniente dalle esperienze della guerra che gli italiani avevano combattuto per l’Unità d’Italia, avvertivano, impellente, la necessità di confrontare il loro lavoro artistico con i cambiamenti artistici in ambito europeo, soprattutto con quanto stavano facendo i pittori in Francia.

Molti furono i pittori italiani che lavorarono in questo senso, ma questo è l’unico movimento che merita  il nome di scuola, sia per la comunità di intenti che legava i componenti del gruppo provenienti da diverse regioni e tradizioni artistiche, sia per l’alta qualità complessiva dei risultati pittorici raggiunti. Tratto da: http://www.settemuse.it/arte/corrente_macchiaioli.htm

Llewelyn Lloyd (da wikipedia)

Di origine gallese, mosse i suoi primi passi nella città labronica nella scuola di Guglielmo Micheli con Amedeo Modigliani, Oscar Ghiglia e Gino Romiti. I migliori del gruppo attirarono le attenzioni di Giovanni Fattori, e Lloyd fu uno di quelli che venne invitato all’Accademia di Belle arti di Firenze. Qui entrò in contatto con l’ambiente fiorentino in cui dettavano legge pittori macchiaioli come Telemaco Signorini e Adriano Cecioni, avvicinandosi allo studio dell’arte italiana del Quattrocento.
La sua prima fase pittorica fu all’insegna di un conservatorismo stilistico ammorbidito nei toni, in grado di coniugare tendenze classiche e aspirazioni moderne. Fu, tuttavia, l’ascendente che Plinio Nomellini esercitò su di lui a portarlo nel solco del divisionismo, uno stile che ebbe modo di sviluppare nel tempo, utilizzando come scenari naturali la Liguria (le Cinque Terre) e la Toscana (campagna pisana e livornese).
Divenne allora uno degli esponenti di punta, insieme a Plinio Nomellini, Benvenuto Benvenuti e Guglielmo Amedeo Lori, di quello che a posteriori è stato definito il Divisionismo toscano. L’infatuazione fu però breve, tanto che già al momento del suo soggiorno all’Isola d’Elba evidenziò un cambio di rotta nella sua pittura, che lo riporta su binari più convenzionali.
I successivi trent’anni vennero vissuti in un crescendo di emozioni artistiche, prodotte dal numero elevato di rassegne a cui partecipò. Nel 1929 trovò anche il tempo per dare alla luce un importante saggio di storia dell’arte La pittura dell’ottocento in Italia, in cui celebrava la figura di Giovanni Fattori e si soffermava sul debito virtualmente contratto dalle avanguardie artistiche (espressionismo, cubismo, futurismo etc.) nei confronti dei primitivi toscani (senesi) del Quattrocento.
Le vicende pittoriche di Llewelyn Lloyd si conclusero nel 1944, quando venne internato nel campo di concentramento di Fossoli e poi in Germania, per via delle sue origini gallesi. Ebbe comunque tempo di ritornare in Italia, dove si spense a Firenze.
La pittura di Lloyd, scevra da compromessi ideologici, potrebbe essere definita con tre aggettivi: aristocratica, asciutta, nitida.

Nudi e libri – Lettori dipinti / 26


Howard Chandler-Nude woman reading (1873-1952)

Howard Chandler-Nude woman reading (1873-1952)

Study of a nude youth reading a book Oil Painting - William Etty (1787 – 1849)

Study of a nude youth reading a book Oil Painting – William Etty (1787 – 1849)

Naked Woman Reading. Leon Kroll (1884-1974)

Naked Woman Reading. Leon Kroll (1884-1974)

Sir Anthony van Dyck, Saint John the Baptist in the Wilderness (circa 1624-5)

Sir Anthony van Dyck, Saint John the Baptist in the Wilderness (circa 1624-5)

A Female Nude Reading On A Bed - Isaac Israels (1865-1934)

A Female Nude Reading On A Bed – Isaac Israels (1865-1934)

Le gallerie precedenti

 

Lettori dipinti / 25


 GERARD TER BORCH-The reading lesson.jpg


GERARD TER BORCH-The reading lesson.jpg

John George Brown Reading on the Rocks Grand Manan 1877

John George Brown Reading on the Rocks Grand Manan 1877

Girl Reading on a Stone Porch 1872

Girl Reading on a Stone Porch 1872

Suzanne Reading and Blanche Painting by the Marsh at Giverny 1887

Suzanne Reading and Blanche Painting by the Marsh at Giverny 1887

 Marc Antoni Franceschini The Virginreading


Marc Antoni Franceschini – The Virgin reading

Auguste Toulmouche - Reading Lesson - 1865

Auguste Toulmouche – Reading Lesson – 1865

Le gallerie precedenti

Libri dipinti / 24 – Beato Angelico


Le gallerie precedenti:

Clicca per ingrandire

Maria tra i santi Domenico e Tommaso d'Aquino

Maria tra i santi Domenico e Tommaso d’Aquino

 

Sepoltura di Cosma e Damiano

Sepoltura di Cosma e Damiano

Santi

Santi

Vergine di Detroit

Vergine di Detroit

Annunciazione

Annunciazione

Giovanni da Fiesole, al secolo Guido di Pietro (Vicchio, 1395 circa – Roma, 18 febbraio 1455), detto il Beato Angelico o Fra’ Angelico, fu un pittore italiano.

Fu effettivamente beatificato da papa Giovanni Paolo II nel 1982, anche se già dopo la sua morte era stato chiamato Beato Angelico sia per l’emozionante religiosità di tutte le sue opere che per le sue personali doti di umanità e umiltà. Fu il Vasari, nelle Vite ad aggiungere al suo nome l’aggettivo “Angelico”, usato in precedenza da fra Domenico da Corella e da Cristoforo Landino… CONTINUA

 

Lettori dipinti / 23


Le gallerie precedenti:

01 Angelo Bronzino

Ritratto di Laura Battiferri

Ritratto di giovane uomo con libro

Ritratto di giovane uomo con libro

Ritratto di Ugolino Martelli

Ritratto di Ugolino Martelli

 

Agnolo di Cosimo di Mariano, conosciuto come il Bronzino (Monticelli di Firenze, 17 novembre 1503 – Firenze, 23 novembre 1572), è stato un pittore italiano. Tra i più raffinati e mirabili pittori del Manierismo fiorentino, è noto per essere stato uno dei più abili ed incisivi ritrattisti della corte medicea nella Firenze tardo rinascimentale. Continua

Fanciullo che legge

Fanciullo che legge

La formazione di Vincenzo Foppa dovette essere essenzialmente legata al mondo cortese, ben vivo nella prima metà del XV secolo in tutta la Lombardia. Egli ebbe modo di ammirare gli affreschi condotti da Gentile da Fabriano tra il 1414 e il 1419 nel Broletto di Brescia, realizzati su commissione di Pandolfo Malatesta, e vide in patria la sontuosa Annunciazione intessuta di ori da Jacopo Bellini e le fulgenti tavole di Antonio Vivarini dipinte qualche anno prima che Foppa mostrasse di aver aderito alle tendenze locali nell’opera più antica che gli si riconosca. Si tratta della Madonna con Bambino e angeli, in cui i rapporti con il mondo gotico si esauriscono in convenzionalismi grafici e lineari, presi a prestito da Bonifacio Bembo, che con tutta probabilità fu suo maestro: lo spazio reca tracce di una norma più logica, in esso s’impostano più corposi volumi e panneggi già rivelatori della poetica naturalistica che sarà peculiare delle opere della maturità. Continua

La madonna annunciata

La madonna annunciata

Antonello da Messina, soprannome di Antonio di Giovanni de Antonio (Messina, 1429 o 1430 – Messina, febbraio 1479), è stato un pittore italiano. Massimo esponente della pittura siciliana del XV secolo, raggiunse il difficile equilibrio di fondere la luce, l’atmosfera e l’attenzione al dettaglio della pittura fiamminga con la monumentalità e la spazialità razionale della scuola italiana. I suoi ritratti sono celebri per vitalità e profondità psicologica. Continua

 

Lettori dipinti / 22 – Dipinti antichi e stampe


Le gallerie precedenti:

Lucas Cranach II - San Pietro nello studio

Lucas Cranach II – San Pietro nello studio

Lucas Cranach il Giovane (Wittenberg, 4 ottobre 1515 – Weimar, 25 gennaio 1586) è stato un pittore e incisore tedesco, figlio di Lucas Cranach il Vecchio. Era il più giovane dei figli dell’artista e di Barbara Brengebier, e cominciò la sua carriera come apprendista nella bottega paterna insieme al fratello Hans. La sua attività di artista riscosse notevoli successi, continuando l’attività paterna ed ereditandone l’attivissima bottega alla sua morte. Continua

Marcello Venusti - La sacra famiglia (il silenzio)

Marcello Venusti – La sacra famiglia (Il silenzio)

Marcello Venusti (Mazzo di Valtellina, 1510 – Roma, 15 ottobre 1579) è stato un pittore italiano, attivo nell’età del Rinascimento.
Detto anche “de Nosta”, “de Voltulina”, ebbe una primissima formazione lombarda (da Leonardo a Correggio); dopo l’alunnato nella bottega di Perino del Vaga in cui imparò i principi raffaelleschi della pittura aggiunse alla sua arte, anche per un diretto contatto con i protagonisti di questa corrente (Michelangelo e Sebastiano del Piombo), una forte e fondamentale suggestione michelangiolesca,… Continua

Agnolo Bronzino - Giovane uomo con libro

Agnolo Bronzino – Giovane uomo con libro

Agnolo di Cosimo di Mariano, conosciuto come il Bronzino (Monticelli di Firenze, 17 novembre 1503 – Firenze, 23 novembre 1572), è stato un pittore italiano. Tra i più raffinati e mirabili pittori del Manierismo fiorentino, è noto per essere stato uno dei più abili ed incisivi ritrattisti della corte medicea nella Firenze tardo rinascimentale. Continua

Albrecht Durer - Sant'Antonio legge

Albrecht Durer – Sant’Antonio legge

Albrecht Durer - Erasmo da Rotterdam

Albrecht Durer – Erasmo da Rotterdam

Albrecht Dürer (Norimberga, 21 maggio 1471 – Norimberga, 6 aprile 1528) è stato un pittore, incisore, matematico e teorico dell’arte tedesco. Figlio di un ungherese, viene considerato il massimo esponente della pittura tedesca rinascimentale. A Venezia l’artista entrò in contatto con ambienti neoplatonici. Si presume che tali ambienti abbiano sollevato il suo carattere verso l’aggregazione esoterica. Classico esempio è l’opera dal titolo Melencolia I, realizzata nel 1514, in cui sono presenti evidenti simbologie ermetiche. Continua

Lettori dipinti – Eduardo Leon Garrido (1856-1949)


Le gallerie precedenti:

I lettori dipinti – 20. Cezanne e Pissarro


Le gallerie precedenti:

Cezanne – Father of the Artist Reading ‘l’Evenement’ – 1866

Cezanne – Paul alexis reading Emile Zola manuscript – 1869

Cezanne – Ritratto di Geffroy

Pissarro – Jeanne Pissarro reading

Pissarro – Portrait of-Rodo reading

Camille-Pissarro-Portrait-of-Rodo-Pissarro-Reading-the-Artist-s-Son-1-Oil-Painting

Pissarro – Rodo at reading

I lettori dipinti di Edouard Manet


Le gallerie dei lettori dipinti:

Cliccare sulle immagini per ingrandire.

Per un profilo di Manet cliccare qui.

Edouard Manet - Portrait of Emile Zola

Portrait of Stéphane Mallarmé

Édouard Manet. A Reading (Léon Leenhoff and Mme Manet). 1868

Édouard Manet. Reading. 1879

Edouard Manet - The Reader

——————————————————————-

Il nuovo romanzo di Gabriele Prinelli
AVANTI E INDIETRO ovvero la congiura dei sagrestani – Loquendo editrice

——————————————————————-

Il Cane del santo di Gabriele Prinelli
Romanzo E-book completamente gratuito (pdf, epub e mobi)
Clicca qui per scaricare il libro digitale per il tuo e-reader

Lettori dipinti – I libri negli affreschi dell’impero romano


Le gallerie dei lettori dipinti:

Ragazza con rotulo

Instumenta scriptoria

Fornaio e moglie Paquius Proculus pompei

Per immagini più grandi e dettagli sugli affreschi rimando a questo sito: http://www.misinta.it/storia-illustrata-della-scrittura-e-della-lettura/storia-illustrata-della-scrittura-e-del-leggere/

——————————————————————-

Il Cane del santo di Gabriele Prinelli
Romanzo E-book completamente gratuito (pdf, epub e mobi)
Clicca qui per scaricare il libro digitale per il tuo e-reader

IL CALENDARIO 2012 DE IL QUADERNO (gratuito)


Con i libri dipinti da Lorenzo Lotto.

Calendario 2012 – quaderno di un bibliotecario – Clicca qui per scaricare (2033 kb)

Alcune immagini tratte dal calendario

La copertina

Febbraio

Aprile

Ottobre

——————————————————————-

Il Cane del santo di Gabriele Prinelli
Romanzo E-book completamente gratuito (pdf, epub e mobi)
Clicca qui per scaricare il libro digitale per il tuo e-reader

IL CALENDARIO 2012 DE IL QUADERNO (gratuito)


Con i libri dipinti da Lorenzo Lotto.

Calendario 2012 – quaderno di un bibliotecario – Clicca qui per scaricare (2033 kb)

Alcune immagini tratte dal calendario

La copertina

Febbraio

Aprile

Ottobre

——————————————————————-

Il Cane del santo di Gabriele Prinelli
Romanzo E-book completamente gratuito (pdf, epub e mobi)
Clicca qui per scaricare il libro digitale per il tuo e-reader

I libri di Lorenzo Lotto (1480-1556)


Dopo i lettori dipinti… i libri dipinti magistralmente da Lorenzo Lotto.

Le gallerie dei lettori dipinti:

Porträt eines jungen Gelehrten

Porträt eines jungen Gelehrten particolare del libro

Fra Gregorius Belo di Vicenza

Fra Gregorius Belo di Vicenza particolare

Commiato di cristo dalla Madre

Commiato di Cristo dalla madre particolare

Annunciazione di Recanati

Annunciazione di Recanati particolare 1

Annunciazione di Recanati particolare 2

——————————————————————-

Il Cane del santo di Gabriele Prinelli
Romanzo E-book completamente gratuito (pdf, epub e mobi)
Clicca qui per scaricare il libro digitale per il tuo e-rader

I lettori dipinti – 15 MATISSE


Le gallerie precedenti

Henri Matisse - Reading woman with parasol

Matisse, Marguerite Reading

Matisse - Reading desk

Matisse - Woman reading at the tabel

Matisse - Reading in a Garden

Matisse - Woman reading

Lettori dipinti – 14


Le gallerie precedenti

Opere di Carl Larsson (1853-1919)

A Lady Reading a Newspaper

Reading room

An interior with a woman reading

Un libro per tre, 1912

My eldest daughter Suzanne with milk and book, 1904

Contemplo


Dicono che un’opera d’arte è tale quando ti trasmette qualcosa e ti “toglie il respiro”. Quando la Biblioteca del Seminario Vescovile di Cremona mi ha taggato (si dice così! a quanto pare) su Facebook, legando il mio nome a questa foto sono rimasto a bocca aperta.

MERAVIGLIOSI.

DIOSCORIDES. – De materia medica. – Colle di Val d’Elsa: Johannes de Medemblick, 1478.

TOMMASO : D’AQUINO . – Summa theologiae: Pars Secunda, secunda pars. – Venezia: [Leonardus Wild], 1479.

CICERO, Marcus Tullius. – De Oratore. – AESCHINES.In Ctesiphontem. Epistola XII. -DEMOSTHENES. - De Corona. – Venice : Thomas de Blavis, de Alexandria, 16 May 1488.

Non sto a fare la storia di questi libri perché è già ottimamente riportata qui: http://biblioseminariocremona.wordpress.com/2011/06/08/1188/ (da dove arrivano anche le foto). Buona lettura. Io contemplo.

I lettori dipinti / 13


F. Champenois, Imprimeur-Editeur. 1898

Carl Larsson, Prima lezione

Carl Larsson, Lisabeth legge

Sidney Edward Dickinson. The pink curtain

Jean-Jacques Henner The reader (La Liseuse)

Le gallerie precedenti

Cinema e biblioteca / 2


Dopo i primi 4 film (https://letture.wordpress.com/2011/03/21/cinema-e-biblioteca/) ecco altre scene in cui l’azione si svolge in biblioteca. Ringrazio gli amici che, commentando il post precedente, hanno suggerito scene e titoli.

Il nome della rosa (il labirinto) – 1986

Il cielo sopra Berlino – 1987

Ghostbuster – 1984

Star wars – L’attacco dei cloni – 2002 (è la biblioteca del Trinity college di Dublino)