Quando intorno a Milano c’era… la campagna


Veduta di Milano

Veduta di Milano

Commuovente descrizione del paesaggio milanese di Cesare Cantù (1805-1894)

«La strada bergamasca esce dalla porta Orientale, e segue il magnifico viale di Loreto; indi procede tra feraci campagne, e, lasciato a sinistra Turro, a destra Casoretto, giunge a Crescenzago. Siede questo ridente villaggio in riva al naviglio della Martesana, ed ha fregio d’eleganti ville e giardini. Bello a chi va pedestre è seguir la strada dell’alzaia lungo il naviglio ombreggiata quasi di continuo da pioppi e saligastri, che presenta in più tratti assai gradevoli aspetti. A Crescenzago segue Vimodrone, antica parrocchia, indi la cascina de’ Pecchi, e sulla destra Pioltello, ove nel 1259 si posero a campo i Milanesi movendo contro Ezelino; sulla sinistra Cernusco Asinarlo sul naviglio, che fa bella mostra dal ponte, ed ha grande chiesa e parecchie graziose ville con vaghi giardini. Indi si passa il torrente Molgora, che è scavalcato dal naviglio sostenuto da poderoso dicco, e s’arriva al lieto e popoloso borgo di Gorgonzola, ch’è in voce pe’ suoi squisiti stracchini. Grandiosa n’è la chiesa primaria, cominciata nel 1806, finita nel 1820, con disegno del Cantoni, mercé il munifico lascito del duca Gian Galeazzo Serbelloni.»

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...