La decadenza italiana e l’ars oratoria del parlamento italiano


senato

Una considerazione sull‘ars oratoria dei nostri parlamentari e come questa rappresenti, secondo il mio parere, un sintomo della decadenza italiana.

Da anni (c’era ancora Andreotti in gran forma) seguo quando posso, per mio diletto, le sedute del parlamento italiano. Devo perciò scrivere che la qualità dei discorsi (salve buone eccezioni) è assai peggiorata. Sia chiaro: non valuto qui i contenuti, piuttosto le capacità oratorie di chi interviene in aula.

Seguire alla radio i dibattiti parlamentari, senza magari nessun giornalista che ti esplicita a quale gruppo appartenga il deputato/senatore di cui vado ascoltando l’intervento, è ormai diventato quasi semplice.

  • La lega si riconosce in un amen, non solo per i marcati accenti padani dei propri eletti, ma anche per il linguaggio terra-terra utilizzato. Per loro, tra il palco di Pontida e l’aula parlamentare non c’è differenza.
  • I movimenti legati al Meridione, invece si indovinano per la veemenza di un vocabolario fermo al Gattopardo di Tomasi di Lampedusa.
  • I neofiti dei pentastellati, paiono rappresentanti degli studenti che occupano un liceo. S’ingarbugliano perfino a leggere i discorsi scritti (dal punto di vista oratorio sono i peggiori in assoluto).
  • Più eleganza hanno, decisamente, destra e sinistra, dove, al di là della sostanza, l’eleganza dello stile non fa certamente difetto. Le scuole delle sinistre e delle destre storiche hanno avuto discreti allievi.

Mancano infine, quei botta e risposta taglienti di un tempo, raccolti in quel volume drammaticamente esilarante di Giulio Andreotti: Onorevole, stia zitto.

Insomma, l’orecchio rimpiange di gran lunga la Prima Repubblica.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...