Rimedi d’altri tempi!


Facce allegre di Adolfo Albertazzi

Tratto da “Facce allegre” di Adolfo Albertazzi, Fratelli Treves Editori, 1921:

Pelaguzzi, in primavera, ammalò. E Botti, che aveva idee anche in medicina e sosteneva che i migliori medici sono le bestie, e che i cani e gatti quando hanno la febbre stanno al sole per sudar con la lingua ed eliminare microbi e veleni, lo caricava di cuscini e coperte e giacche e pastrani intimandogli: – Suda! -. Il disgraziato per poco non andò tutto in sudore. E fu salvo.

Adolfo Albertazzi

Fu discepolo, amico e biografo di Giosuè Carducci. Fu insegnante a Mantova, a Foggia ed infine all’istituto Pier Crescenzi di Bologna. Narratore fecondo, vide la sua opera esaltata da alcuni e criticata da altri. Di lui Papini scrive “uno dei pochi prodigi della vivente letteratura italiana”; Luigi Russolo giudica “Narratore ricco di ingegno e di cultura e di nobilissime intenzioni, ma povero di temperamento”. CONTINUA

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...