Prima del Conclave: “Guai se le pecore cominciassero a diffidare dei pastori” (da Il nome della rosa)


Sean Connery interpreta Guglielmo da Bascavilla

Sean Connery interpreta Guglielmo da Bascavilla

Siamo nel “Primo giorno” de “Il nome della rosa” di Umberto Eco (1980). La scena si svolge nella cella di Guglielmo da Bascavilla, dove l’abate Abbone invita l’ospite a svolgere alcune indagini intorno alla misteriosa morte del miniatore Adelmo da Otranto. Del dotto colloquio, riporto questo breve passo che mi pare inquadri bene le polemiche che hanno investito la Chiesa alla vigilia del Conclave.

Dice Abbone:

“Spesso infatti è indispensabile provare la colpa di uomini che dovrebbero eccellere per la loro santità, ma in modo da poter eliminare la causa del male senza che il colpevole venga additato al pubblico disprezzo. Se un pastore falla deve essere isolato dagli altri pastori, ma guai se le pecore cominciassero a diffidare dei pastori”.

Scheda del libro

Autore principale: Eco, Umberto
Titolo: Il nome della rosa / Umberto Eco
Pubblicazione: Milano : Bompiani, 1980
Descrizione fisica: 503 p. ; 22 cm

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...