535 lettura finita (8 del VI anno) – Il segreto d’Adolfo di Vittorio Bersezio


Vittorio Bersezio

Vittorio Bersezio

Bersezio, questa volta, ci regala un romanzo sentimentale dalle tinte fosche. Il segreto di Adolfo – chi non lo volesse conoscere, eviti il paragrafo della trama scritta in corsivo – è forse prevedibile, tuttavia l’autore sembra volerci condurre a tutti i costi in un’altra direzione. Il cattivo della vicenda, l’Orsacchi, è davvero tale e, pure, antipatico. Ben scritto e piacevolmente letto nell’edizione del 1875. Da quell’anno, Il segreto non è stato più pubblicato.

Voto: 7/8

Trama

Il conte Cioni e il suo sodale Orsacchi, un militare a riposo, sposano rispettivamente Cecilia e Lisa, fresche fanciulle di collegio, poste sotto la generosa protezione dello stesso conte. Cecilia, in particolare, cresciuta fino dall’adolescenza in casa del Cioni, è molto legata al figlio di questi – il giovane Adolfo, protagonista della storia –, di cui raccoglie le confidenze.

L’annuncio delle doppie nozze getta nello sconforto Adolfo che, nel tentativo di risollevarsi l’animo e di seguire la sua vena artistica, si stabilisce a Roma. Il soggiorno nella città eterna s’interrompe bruscamente per sfuggire alla figlia della padrona di casa che si è innamorata di lui, non corrisposta,  e soprattutto dal pretendente di lei che vuole ucciderlo.

Ritornato a casa, riprende a frequentare, nel suo studio di pittore, Cecilia e Lisa: la prima sposa innamorata e la seconda moglie oppressa. Proprio Orsacchi è convinto che  Adolfo sia l’amante di una delle due ragazze e persuade Cioni a spiare le mosse dei giovani.

Il sospetto cade su Cecilia, il cui marito in preda alla cieca furia della gelosia cerca di ammazzare il figlio. Si scopre però che l’innamorata di Adolfo è, in realtà, Lisa. In un duello mortale, il cattivo Orsacchi ucciderà il povero pittore.

L’autore

Avviato agli studi di giurisprudenza dal padre – Carlo Bersezio, un giudice di tendenze liberali – frequenta fin da adolescente i circoli letterari della capitale sabauda. Esordisce quattordicenne con un primo lavoro teatrale, Le male lingue, che conoscerà successivamente una discreta fortuna sotto il nuovo titolo Una bolla di sapone (Milano 1876).
Il suo vero esordio teatrale avviene al Carignano di Torino nella stagione 1852/1853 con i drammi Pietro Micca e Romolo in cui gli ideali patriottici venivano adattati ai canoni classici dell’arte drammatica. Continua

Scheda del libro

Autore principale: Bersezio, Vittorio <1828-1900>
Titolo: Il segreto d’Adolfo : romanzo / di Vittorio Bersezio
Pubblicazione: Torino : Tip. Letteraria, 1861
Descrizione fisica: 260 p. ; 16 cm.

La precedente lettura di Bersezio: Povera Giovanna

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...