Il valore aggiunto della biblioteca? Oggi si misura in euro (e si scopre che il cittadino ci guadagna)


La pensata è di quelle giuste, una intuizione che potrebbe fare scuola.

L’idea arriva dalla biblioteca di Ghedi (Bs): monetizzare i benefici economici che la biblioteca fa ricadere sopra i propri cittadini. Possibile? A quanto pare, sì!

“Per stilare il rendiconto, la responsabile del servizio Renata Micheli ha incrociato i costi sostenuti per il funzionamento della biblioteca, pari a 160 mila euro, con i 19 mila residenti, il flusso di prestiti di libri, cd e dvd con il prezzo di mercato dei volumi e il canone medio del noleggio delle videoteche.”

Il risultato? Il risparmio per le famiglie è stato di 441.000 euro. Tolte le spese di gestione della biblioteca, il benefit è stato di 280.000 euro ovvero 23 euro a cittadino. In tempi di super tassazione, queste sono notizie che fanno bene al morale e al portafoglio.

E’, oltretutto, un linguaggio (gli euro) che i nostri amministratori capirebbero senza problemi.

Fonte: http://www.bresciaoggi.it/stories/Provincia/356582_con_la_crisi_la_biblioteca_diventa_un_bene_rifugio/?refresh_ce

——————————————————————-

Il Cane del santo di Gabriele Prinelli
Romanzo E-book completamente gratuito (pdf, epub e mobi)
Clicca qui per scaricare il libro digitale per il tuo e-reader
Annunci

2 thoughts on “Il valore aggiunto della biblioteca? Oggi si misura in euro (e si scopre che il cittadino ci guadagna)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...