Storie tormentate di biblioteche – Bagnoli


Un'immagine della Italsider di Bagnoli

Esiste la malasanità e purtroppo anche la malabiblioteca. La vicenda ci viene raccontata da napolimonitor.it ed è reperibile su google news. Bagnoli, per chi non lo ricordasse, è quel quartiere del municipio di Napoli che ha vissuto la gloria e il dramma dell’Italsider.

La storia è quella della biblioteca Mazzacurati che nasce per impulso di una docente del liceo scientifico Labriola, Mariella Albrizio e dopo varie sistemazioni di fortuna arriva a possedere 20.000 volumi. Dal 2000 la biblioteca ha una certa stabilità che gli permette di svilupparsi e tutto sembra volgere al meglio: vengono costituiti tre fondi, unici nel loro genere: il fondo Bagnoli, che raccoglie la memoria storica del territorio; il fondo Rossanda, che comprende classici del marxismo, testi di attualità politica e culturale, letteratura femminista, libri di storia, opere letterarie; il fondo Mimmo Jodice, che contiene libri di fotografia.

La biblioteca entra a far parte del sistema bibliotecario di Napoli e le raccolte vengono catalogate…

Nel 2008 (2009 secondo il video postato di seguito)  la biblioteca viene occupata dai senzatetto e le attività vengono sospese. Non bastano lunghe trattative per riaprire al pubblico. Occorre trasferire il patrimonio nella sede della circoscrizione. Si spendono soldi per sistemare i locali e… manca il personale… non ci sono i soldi per formarlo.

Nel frattempo l”associazione che ha gestito la biblioteca per 10 anni si è sciolta per sfinimento.

Di seguito la situazione ad inizio 2012.

Fonte: <http://www.napolimonitor.it/2012/04/02/12112/una-biblioteca-in-dismissione.html>

La pagina della biblioteca su Iperteca <http://www.iperteca.it/vedi_biblioteca.php?pag=6&idb=31>

Annunci

2 thoughts on “Storie tormentate di biblioteche – Bagnoli

  1. VORREI ESPRIMERE LA MIA SOLIDARIETà. hO CONOSCIUTO L’ASSOCIAZIONE PROMOTRICE DELL’INIZIATIVA E MI FAREBBE PIACERE CONTINUASSE A PREMERE SULLA POLITICA FACENDO NOTARE L’ENNESIMA OCCASIONE PERDUTA PER IL RILANCIO DI BAGNOLI CON LA COPPA AMERICA

  2. La grande Prof. Albrizio, insieme ad altri , ha donato molto tempo della sua vita alla CULTURA. A quanto sembra Napoli e ancor più i quartieri di cui ci si ricorda solo quando arrivano i dindi dall’Europa o da Roma ovvero per sfruttare il mare i luoghi e strizzarli anche dopo lo stato di coma farmacologico post-italsider, non sanno cos’è cultura.
    Proprio così. La cultura a Napoli è appropriarsi dei luoghi, per diritto e per mentalità. Da l’altro gli insuslsi politici municipali lasciano sopravvivere queste situazioni pur di non impegnarsi a risolverle. Intanto i gettoni vengono pagati.
    Comunque è soprattutto per il lavoro silenzioso e lungo e che va oltre alla sua scomparsa…(parlo della prof) …che si dovrebbe rendere merito. Si parla tanto di società basata sul merito. Ma quale???…
    A quanto sembra i libri presenti nel Municipio non hanno influito ovvero influenzato i luoghi e le persone
    Memoria è non perdere la propria origine ma anche il proprio “essere/esserci”. Si no che se campa affà??

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...