Le prossime letture


Appena terminata la bellissima lettura de Il Clandestino di Tobino (nei prossimi giorni un articolo ad hoc) è tempo di programmare le prossime letture, frutto della paziente ricerca della mia personale pusher di libri nascosti nei cataloghi… eccoli qui di seguito. La curiosità è già forte… ieri sera ho abbozzato le prime pagine de IL BETTOLIERE e devo scrivere che già mi piace molto…

FRANCESCO MASTRIANI – IL BETTOLIERE DI BORGO LORETO

Fin dal titolo, la precisa individuazione del quartiere definisce con realismo il contesto nel quale si svolge la fosca vicenda, ambientata nel 1836, nel cuore antico di Napoli, in una delle sue zone più sordide. E già nell’incipit l’autore fa riferimento al groviglio di rampe e vicoli che costituiva la struttura urbana della città e nel quale era possibile operare ogni genere d’illegalità: un labirinto dove si muove un’umanità primitiva e brutale. In questo sottobosco sociale, le donne sono descritte come «scapigliate e sudice erinni, che del loro sesso non aveano conservato altro che le forme sciupate dal vizio». Torbide e miserabili sono anche le figure maschili e lo stesso Ciccio, il bettoliere protagonista del racconto, sebbene conteso da due donne, è «sciancato ed ernioso». Tra questi reietti, Mastriani si muove con disinvoltura e senza disgusto e, come spesso accade nei suoi romanzi, ciò che domina è un’indagine sulla napoletanità, a ogni suo livello, nel grandioso e disperato tentativo di smascherare costumi e pregiudizi di una realtà degradata.

POVERA GIOVANNA DI VITTORIO BERSEZIO

In un piccolo paese della campagna piemontese vive la famiglia Varada. Il padre Giacomo è notaio e segretario del Comune. Ha due figliole, Giovanna ed Enrichetta, e una moglie, Genoveffa, di cui è succube. A portare scompiglio nella loro vita sarà lo zio Gerolamo che ritorna in paese dopo anni di lavoro all’estero. Son vent’anni che non dà notizie. Come accoglierlo: sarà ricco o sarà povero? E sulle figlie, intanto, si posano gli occhi dei pretendenti. Con sorprese una appresso all’altra. Povera Giovanna! viene pubblicato nel 1869 a Milano dall’editore Treves. Bersezio si addentra in una storia toccante: pagine che si soffermano sui sentimenti umani – l’amore, l’odio, l’amicizia – tra i quali stende un velo di garbata ironia.

LA MAREA DI ALESSANDRO VARALDO

La marea, già pubblicata tra il 1923 e il 1924 nella sua versione definitiva, è la prima vera trilogia narrativa di Varaldo, un’opera sorprendente che prende le mosse da Manzoni, Foscolo e Victor Hugo per raccontare le emozioni, le atmosfere, le tradizioni marinare, rurali e alimentari, i colori di quella Liguria estrema, successivamente evocata da Francesco Biamonti, Elio Lanteri e Nico Orengo: una sinfonia narrativa interamente dedicata alla sua città natale e agli anni giovanili a Ventimiglia.
Una trilogia che ci permette, dopo quasi novanta anni di oblio,  di riscoprire una delle più grandi voci della narrativa italiana del Primo Novecento, nel 135° anniversario della nascita dell’Autore.

LA CARROZZA DI TUTTI DI EDMONDO DE AMICIS

Punto d’arrivo della produzione di De Amicis, pubblicata nel 1899, quest’opera indica come la letteratura di viaggio potesse servire ulteriormente e in modo nuovo all’analisi della conoscenza della società nell’Italia cittadina di fine Ottocento. E’ un’opera importante anche per ciò che riguarda la rappresentazione della città moderna, in questo caso Torino, con le sue contraddizioni, aperture e resistenze al nuovo, componenti generazionali, sociali, politiche, umane. Il libro è organizzato in 12 capitoli, tanti quanti sono stati i mesi del 1896 dfurante i quali De Amicis viaggio sulle 15 linee tranviarie, ancora trainate dai cavalli, proprio prima che entrassero in funzione le nuovissime linee elettriche.

*****************************

La grande festa Longobarda per le nozze di Teodolinda di Lomello 16-17 giugno 2012

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...