Loro vorrebbero bandirli? Bruciarli? Noi esponiamoli…


Pericolo incendio libri

E’ di questi giorni una polemica libraria (furiosa?) attorno al caso di Cesare Battisti.

Se volete leggere la storia e farvi una vostra opinione vi rinvio a questo link assai esauriente:

http://www.carmillaonline.com/archives/2011/01/003755.html

oppure a quest’altro:

http://www.wumingfoundation.com/giap/?p=2572

Breve sintesi (per i pigri del mouse) tratta dai link sopra indicati: «[…] L’assessore alla cultura della provincia di Venezia, Speranzon, ha accolto il suggerimento di un suo collega di partito [ si veda questa lettera, N.d.R.] e intimerà alle biblioteche del veneziano di:
1) rimuovere dagli scaffali i libri di tutti gli autori che nel 2004 firmarono un appello dove si chiedeva la scarcerazione di Cesare Battisti;
2) rinunciare a organizzare iniziative con tali scrittori (vanno dichiarati “persone sgradite”, dice).
Il bibliotecario che non accetterà il diktat “se ne assumerà la responsabilità”…»

E ora dico la mia: possiamo a stare dibattere sulla figura di Battisti ed il suo caso per anni ed ognuno è libero di pensarla come vuole.

Ma cominciare a creare un nuovo INDICE, intimidere biblioteche e bibliotecari perché comprino, espongano certi libri e altri no, perché invitino questo autore e l’altro no, decisamente non mi sta bene. Le biblioteche devono essere libere, deve poterci entrare il buono (secondo alcuni, male secondo altri) e il non buono (male secondo alcuni, buono per altri).

Quindi io, gli autori che si vorrebbero indicizzare… li espongo. Magari non condivido le loro scelte e le loro idee, ma non per questo li metto in graticola.

Annunci

7 thoughts on “Loro vorrebbero bandirli? Bruciarli? Noi esponiamoli…

  1. Pingback: Loro vorrebbero bandirli? Bruciarli? Noi esponiamoli… (via Quaderno di un bibliotecario) « Sweepsy's Blog

  2. Anch’io avevo pensato di dedicare un post a questo argomento, e lo farò, non appena avrò un minuto libero.
    Sinceramente tutto quello che ho letto sul blog dei Wu Ming finora non mi ha trovato d’accordo, su nessun argomento. Diciamo pure che detesto alcune dell cose che scrivono e le trovo oltremodo sciocche.
    Tuttavia proprio per questo stesso motivo difenderò ad oltranza il loro diritto ad essere sugli scaffali. Se non sono d’accordo con le loro idee (e parlo di loro perché conosco loro) trovo giusto controbatterle con argomentazioni, non certo togliere i loro libri dalla circolazione.
    Anch’io credo che la petizione per Battisti sia un’iniziativa turpe, ma cosa c’entra adesso il loro diritto alla pubblicazione? Dov’è il nesso tra le due cose?
    Mah. Spero proprio che in Veneto si riprendano.

  3. Pingback: Guy Montag in gondola « Sekhemty Blog

  4. Non ho parole, quindi prendo esempio da Lamp ed esporrò gli autori “incriminati” nella mia piccola biblio di quartiere….qualcosina abbiamo anche noi, nel nostro piccolo…e w la libertà di espressione!!!

  5. Pingback: Cacciatori brava gente (e altre cosette venete) « V(ale)ntinamente

  6. Pingback: Contro le proscrizioni dei libri! | Penelope alla guerra

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...