403 lettura finita (66/IV anno) – L’angelo di Avrigue di Francesco Biamonti


Bookmark and Share

L'angelo di Avrigue di Francesco Biamonti

Lettura di agosto 2010

Biamonti dipinge quadri, con soggetto la Liguria di confine, di grande fascino. Un romanzo grondante di colori e di profumi, diviso tra mare e montagna. Mi è parso, leggendolo, di essere sul costone, a riposarmi della fatica di salire il carruggio, e scoprire angoli di mare mozzafiato. Anche i suoi personaggi paiono di confine (o meglio al margine)  come il territorio (s)oggetto del racconto.

Voto: 8,5/10

Plus

Paesaggi meravigliosi, un libro che si “guarda” con la mente.

Minus

Stile eccessivamente secco, spezzettato.

Quale lettore?

Dai 16 anni in su, e per chi conosce o vuole conoscere le terre di Liguria.

Incipit

Verso le undici Gregorio andò ad Avrigue. Il pomeriggio lo avrebbe passato al bar dell’olandese dove di solito lo aspettava Jean-Pierre. Era un bel posto su uno sperone quasi sempre dorato e ventoso. Per scendere in piazza prese un carruggio a svolte in cui il vento non entrava d’infilata.

L’Ite Missa est

Il vento rompeva gli ormeggi e il salino era una camola che lavorava nei ricordi.

Trama

Questo romanzo vive, pagina per pagina, ora per ora, della luce del paesaggio aspro e scosceso dell’entroterra ligure nell’estremo suo lembo di Ponente, al confine con la Francia. La voce narrante è quella di un marinaio che non prova nessuna impazienza d’un nuovo imbarco (patisce il “male del ferro”, l’angoscia che la lamiera dei cargo trasmette durante le lunghe traversate) ma anche se ama la sua terra più del mare, la gioia che ne trae gli sa sempre d’amaro. Come seguendo una tacita morale libertaria, il protagonista si rifiuta di giudicare il modo in cui ogni individuo spende la propria vita; ma vorrebbe comprendere cos’è quella spinta di autodistruzione che si sente nell’aria. Tra i casolari di pietre e i villaggi di bungalow, i due aspetti della riviera sono qui presenti insieme: un’agricoltura faticosa e solitaria e il mondo facile del turismo, a cui s’aggiunge la nuova dimensione internazionale del vagabondaggio giovanile che segue il miraggio della droga. E poi il pathos della frontiera, con la sua drammaticità depositata in tante storie di guerra, di contrabbando, d’espatri clandestini.

Scheda del libro

Autore: Biamonti, Francesco
Titolo: L’ angelo di Avrigue / Francesco Biamonti
Edizione: 3. ed
Pubblicazione: Torino : Einaudi, 2008
Descrizione fisica: 129 p. ; 19 cm.
Collezione: ET ; 306
Numeri: ISBN – 9788806193997
Nomi: Biamonti, Francesco

Collegamenti utili per capire meglio il libro

Francesco Biamonti il sito

L’angelo di Avrigue

Parliamone insieme sul forum

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...