397 lettura finita (60/IV anno) – Fiori alla memoria di Loriano Macchiavelli


Bookmark and Share

Fiori alla memoria di Loriano Macchiavelli

Lettura di agosto 2010

Mi piace Antonio Sarti… pare non ne centri una ed invece alla fine… con un po’ di fortuna… Simpatico il protagonista, i vari personaggi e l’ambientazione tosco emiliana. Macchiavelli, insieme a De Angelis e Scerbanenco (trovate diverse letture qui sul blog) è uno dei maestri del giallo italiano. I più recenti commissari hanno molti debiti nei confronti di questi loro (meno celebri) predecessori. Grande ironia (si legga l’ex libro). Leggere per convincersi.

Voto: 8/10

Incipit

La sfortuna più grande è stata quella di venire assegnato all’ufficio dell’ispettore capo Raimondi Cesare. Tutto il resto è venuto dopo: la colite, l’inappetenza, lo stipendio sempre troppo corto, l’auto 28, l’agente felice Cantoni, il desiderio di buttarsi dalle due torri invece che andare in servizio, le periodiche crisi sessuali, il desiderio di non sposarsi, il desiderio di sposarsi, una pistola in dotazione chiusa dentro un cassetto, sotto i fazzoletti e i calzini puliti, un caricatore ammuffito…

Trama

A Pieve del Pino, un paese dell’Appennino tosco-emiliano, si sta erigendo un monumento ai Caduti partigiani. Un incendio doloso distrugge parte del cantiere: un attentato dei fascisti? Dell’indagine viene incaricato Antonio Sarti, colitico sergente della questura bolognese. Subito la situazione precipita: malgrado la sorveglianza, sul monumento appare una scritta inneggiante alla destra. E lì vicino viene trovato il cadavere di un giovane del paese. Che si tratti di delitto a sfondo politico? Antonio Sarti si incaponisce per cercare la verità. Se vuole trovarla, dovrà compiere un lungo viaggio e farsi aiutare da uno studente anarchico.

Ex libro

Tre operai, di quelli che si alzano al mattino verso le quattro per andare a lavorare chissà dove, venivano sostituiti dal Mandini Gaetano, di anni venti, nel calduccio del letto matrimoniale, non appena mettevano piede sul treno per andare a guadagnare onestamente di che mantenere le mogli a casa. Cinque salariati dell’azienda per la raccolta industriale delle noccioline che servono per fare il cioccolato con le noccioline, baciavano, sulla porta, prima di partire, le mogli: e dietro la porta era già pronto il Mandini Gaetano, di anni venti, con le sue noccioline in mano. Due fidanzati, che non erano ancora riusciti a sfiorare l’orlo delle mutandine delle fidanzate, si erano accorti, con rammarico, che, partiti loro, arrivava il Mandini, di anni venti, al quale veniva permesso di togliere le succitate mutandine. Inoltre il meccanico dei trattori agricoli: mentre se ne stava sotto i trattori medesimi per le opportune riparazioni, sua moglie se ne stava sotto il Mandini Gaetano, di anni venti, per le opportune manipolazioni. (Capitolo 11)

Scheda del libro

Autore:    Macchiavelli, Loriano
Titolo:    Fiori alla memoria / Loriano Macchiavelli ; postfazione di Luigi Bernardi
Pubblicazione: Torino : Einaudi, \2001!
Descrizione fisica: 180 p. ; 20 cm.
Collezione: Einaudi tascabili ; 804
Numeri: ISBN – 88-06-15753-1
Bibliografia Nazionale – 2002-4060
Nomi:     Macchiavelli, Loriano
Bernardi, Luigi <1953- >
Classificazione: 853.914 – NARRATIVA ITALIANA, 1945-1999

Collegamenti utili per capire meglio il libro

Loriano Macchiavelli

Discutiamone insieme sul forum

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...