392 lettura finita (55/IV anno) – Gente di Dublino di James Joyce


Bookmark and Share

Gente di Dublino di James Joyce

Andrò controcorrente, ma il capolavoro non l’ho proprio visto. Già definirlo “romanzo non romanzo” non mi ha aiutato a capirlo. Il “mosaico unitario” deve essermi proprio sfuggito. Aggiungete un simbolismo lontano dal nostro orizzonte culturale e il risultato non si fa fatica a immaginarlo. Racconti, mal legati tra loro con la fatica di ricominciare da capo ogni volta. Non mi sono divertito a leggerlo

Voto: 5/10

Incipit

Questa volta per lui non c’era speranza: era il terzo attacco. Una sera dopo l’altra, passavo davanti alla casa (era il periodo delle vacanze) e osservavo il quadro illunminato della finestra: e tutte le sere la luce era la stessa, fioca sempre uguale.

Trama

Considerati tra i capolavori della letteratura del Novecento, questi quindici racconti – terminati nel 1906 ma pubblicati soltanto nel 1914 perché per la loro audacia e realismo gli editori li rifiutarono – compongono un mosaico unitario che rappresenta le tappe fondamentali della vita umana: l’infanzia, l’adolescenza, la maturità, la vecchiaia, la morte. Fa da cornice a queste vicende la magica capitale d’Irlanda, Dublino, con la sua aria vecchiotta, le birrerie fumose, il vento freddo che spazza le strade, i suoi bizzarri abitanti. Una città che, agli occhi e al cuore di Joyce, è in po’ il precipitato di tutte le città occidentali del nostro secolo.

Ex libro

Un lieve battito sul vetro lo fece voltare verso la finestra. Aveva ripreso a nevicare. restò a osservare, assonnato, i fiocchi di neve argentei e scuri, che scendevano obliquamente davanti al lampione […] La neve cadeva in ogni parte della bruna pianura centrale, sulle colline brulle, scendeva piano nella palude di Allen e, più a occidente, calava lieve sulle cupe onde tumultuanti dello Shannon. E cadeva anche su tutto il solitario cimitero di camopagna, là in cima alla collina dove era sepolto Michael Furey. S’ammucchiava sulle croci contorte e sulle pietre tombali, sulle punte del piccolo cancello, sui cespugli brulli… (I morti)

Scheda del libro

Autore: Joyce, James
Titolo: Gente di Dublino / James Joyce ; introduzione di Italo Svevo ; traduzione e cura di Daniele Benati
Edizione: 11. ed
Pubblicazione: Milano : Feltrinelli, 2008
Descrizione fisica: XLVIII, 209 p. ; 20 cm.
Collezione: Universale economica
Numeri:    ISBN – 9788807821073
Nomi: Joyce, James
Svevo, Italo
Benati, Daniele <1953- >
Altri titoli collegati: [Titolo originale] Dubliners

Collegamenti utili per capire meglio il libro

James Joyce

Gente di Dublino

Discutiamone insieme sul forum

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...