186 lettura finita (56/II anno) – Eros di Giovanni Verga


Eros di Giovanni Verga

Inizio lettura 21 gennaio 2008 – Termine lettura 23 gennaio 2008

Libro scoperto per caso dando un occhio ad uno scaffale in biblioteca. Verga prima del Verga conosciuto… lontano dal verismo dei Malavoglia e di Mastro don Gesualdo in questo romanzo l’autore rappresenta la società aristocratica ottocentesca in decadenza. Alberti è l’eroe mai appagato, incapace di amare ma che pretende di essere amato. Il protagonista si sente un’opera incompiuta, un’eroe tormentato alla ricerca di qualcosa che non riesce mai a raggiungere; un eroe di quel romanticismo ormai in fase decadente.La prosa è ampia i periodi complessi e ben curati. L’ho letto volentieri anche se a volte pare essere ripetitivo. E’ un Verga al di fuori degli schemi scolastici che forse meriterebbe più attenzione. A mio parere se si vuol far capire la differenza tra i vari movimenti letterari italiani di fine ottocento anzichè abbinare Mastro don Gesualdo con I Malavoglia, abbinerei a uno dei due titoli appena citati questo. La differenza è notevole.
Voto: 8/10

Incipit
Verso le quattro di una fra le ultime notti del carnevale, la marchesa Alberti, seduta dinanzi allo specchio, e alquanto pallida, stava guardandosi con occhi stanchi e distratti, mentre la cameriera le acconciava i capelli per la notte. “Che rumore è cotesto?” domandò dopo un lungo silenzio.

Trama. Attenzione: di seguito viene rivelata, del tutto o in parte, la trama dell’opera.
La storia del marchese Alberti i suoi primi amori e le delusioni; storia di un uomo che non riuscirà mai a trovare la pace del suo spirito indomito, almeno fino a quando, tornato nella sua amata Firenze, riallaccerà l’amore della sua adolescenza, convolando al matrimonio, e attendendosi una vita di serenità: ma i fantasmi del passato torneranno ad assalirlo.

Scheda del libro
Autore: Verga, Giovanni <1840-1922>
Titolo: Eros / Giovanni Verga
Pubblicazione: Santarcangelo di Romagna : Rusconi, 2004!
Descrizione fisica: VI, 185 p. ; 21 cm.
Collezione : I grandi classici
Numeri: ISBN – 88-18-01653-9
Nomi: Verga , Giovanni <1840-1922>
Classificazione: 853.8 – NARRATIVA ITALIANA, 1859-1899

Ex libro

Il sole tramontava dietro i monti che si disegnavano con una vaga trasparenza violetta sulle calde tinte dell’occidente; l’aria era imbalsamata da mille fragranze estive; una nebbia sottile si levava dal fondo della valle, dove si udiva mormorare il torrente, i buoi che c’erano stati a bere risalivano l’erta lentamente, brucando l’erba qua e là, e facendo risuonare di tanto in tanto i loro campanacci. Capitolo III

La luna sorgeva dietro i monti, alcune bianche nuvolette erano ancor disseminate pel cielo, il lago sembrava color d’acciaio, solcato qua e là da bianche strisce luminose; di quando in quando, a lunghi intervalli, un soffio di fresca brezza faceva stormire gli alberi e fiottare le acque sommessamente. Capitolo XXX

Piovigginava, la campagna era brulla, le ruote della carrozza s’affondavano nella via fangosa che i cavalli salivano a fatica. Alberto guardava macchinalmente lo sgocciolar della pioggia sui cristalli. Si udivano lenti i rintocchi dell’avemaria… Capitolo XLIX

Collegamenti utili per capire meglio il libro

Giovanni Verga

Il libro in formato elettronico

Discutiamone insieme sul forum

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...