154 lettura finita (24/II anno) – Resurrezione di Lev Tolstoj


Resurrezione di Lev Tolstoj

Inizio lettura 31 ottobre 2007 – Termine lettura 4 novembre 2007

Opera indubbiamente interessante per la denuncia della società russa a cavallo tra ‘800 e ‘900. Tolstoj accusa il divario di stile di vita tra la nobiltà e il popolo lavoratore sfruttato e umiliato. Si respira un clima rivoluzionario con le idee comuniste che si diffondono nella società. Dal punto di vista letterario, mi perdonino, gli amanti della letteratura russa, il romanzo mi è parso una vera e propria soap opera. Praticamente non succede nulla, la storia si muove lentamente e la sensazione che mi è rimasta è che anche se avessi aperto il libro a caso non mi sarei perso all’interno dell’intreccio tanto succede poco. Sono rimasto deluso.

Voto: 5/10

Incipit
Invano gli uomini, ammucchiati a centinaia di migliaia in un piccolo spazio, si sforzavano di isterilire la terra su cui vivevano, invano la ricoprivano di pietre affinché nulla vi crescesse; invano strappavano anche il più piccolo filo d’erba e affumicavano l’aria col carbon fossile e la nafta; invano tagliavano alberi e scacciavano animali e uccelli. La primavera era sempre primavera, anche tra le mura della città. Il sole scaldava, l’erba, dove non la raschiavano, cresceva d’un bel verde vivido; e cresceva non solo nelle aiuole dei viali, ma anche fra le lastre di pietra. I pioppi, le betulle, i pruni stendevano le loro foglie vischiose e profumate, i tigli si gonfiavano di gemme pronte a schiudersi. Come sempre in primavera, le gracchie, i passeri e i colombi preparavano lietamente i loro nidi, e le mosche, riscaldate dal sole, ronzavano sulle pareti.

Trama Attenzione: di seguito viene rivelata, del tutto o in parte, la trama dell’opera.
Basato su un episodio realmente accaduto al procuratore Koni, amico di Tolstòj, Resurrezione narra la vicenda del giovane aristocratico Nehjiudov che, giurato a un processo, si trova di fronte la donna che lui ha sedotto, provocandone la caduta e spingendola sulla via del crimine. Divorato dal rimorso, abbandona la propria vita agiata per seguirla durante la deportazione, dona le terre ai contadini e le propone di sposarla ma, respinto, si rifugia nel Vangelo. Pubblicato a partire dal 1898 ma a lungo meditato, Resurrezione è il romanzo della crisi spirituale di Tolstòj che, ormai settantenne, arriva a rinnegare gli scritti precedenti e legittima la letteratura solo se suscita sentimenti di fratellanza e amore.

Scheda del libro
Autore: Tolstoj, Lev Nikolaevic
Titolo: Resurrezione / Lev Tolstoj ; a cura di Maria Rita Leto ; traduzione di Maria Rita Leto e Anton Maria Raffo ; con uno scritto di Romain Rolland
Pubblicazione: Milano : Mondadori, stampa 2006
Descrizione fisica: 605 p. ; 19 cm.
Collezione : Oscar classici ; 212
Numeri: ISBN – 88-04-55640-4

Ex libro
In Necliudov, come in tutti, c’erano due uomini: uno spirituale, che cercava il bene proprio in accordo con quello altrui, e un altro animale, che cercava il bene proprio soltanto in senso egoistico, e che per ottenerlo era disposto a sacrificare il bene del mondo intero. Nello stato di folle egoismo in cui si trovava allora, dopo la vita militare e quella di Pietroburgo, l’uomo animale aveva preso in lui il sopravvento e soffocato quello spirituale. Parte I Capitolo XIV.

Il nuvolone nero aveva invaso tutto il cielo. Ai bagliori erano susseguiti i lampi, che rischiaravano il cortile e la casa diroccata coi gradini rotti. Il tuono rumoreggiò sulla testa di Necliudov, tutti gli uccelli tacquero, mentre le foglie cominciavano a stormire. Il vento soffiò sui gradini dove era seduto Necliudov, scompigliandogli i capelli. Cadde una goccia, poi un’altra, tamburellando sulle foglie di bardana, sulle lamiere del tetto, e tutta l’aria s’accese di bagliori. Si fece un profondo silenzio e Necliudov non arrivò a contare fino a tre, che proprio sulla sua testa rintronò un terribile scoppio. Parte II Capitolo VII.

Collegamenti utili per capire meglio il libro

Lev Tolstoj

Il libro in formato elettronico

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...